Kanji Fusion Restaurant

2

''All'interno di un progetto visionario come Kanji Light dove non avviene un semplice arredo ma elementi, contenuti, forme e segni sono l'espressione di un pensiero di un racconto narrante, tutto prende un significato di riflesso. La pavimentazione della sala a volta, luogo centrale di tutto l'intervento, doveva simulare una sorta di sasso, ciotolo come nei vecchi cortili milanesi, uno spazio dentro-fuori con una memoria storica e nello stesso tempo con una texture dinamica. Colore e formato hanno dato il risultato ottimale per quello che doveva essere il modo perfetto .''
Giuseppe Dondoni